Arte e CulturaAttualità

“Il campo delle Emozioni” un progetto sociale tra pedagogia e cinofilia

Alla Fiera di San Luca i Figuranti Juniores e Coordination Dogs

“Il campo delle Emozioni” è un progetto che nasce dalla passione e dagli studi di Chiara Menichetti per  la pedagogia, la cinofilia e l’etologia relazionale.

Alla Fiera di San Luca 2020 a Pontedera saranno presenti il 17 e il 25 mattina con la squadra figuranti Juniores e i nostri cani da soccorso, mentre mercoledì 21 con la squadra Coordination Dogs.

“Il campo delle Emozioni” si trova a Pontedera in via delle Colline sulle sponde del fiume Era, adiacente alla pista ciclabile che da Pontedera va verso Il Romito.

Sono soltanto due anni che il campo esiste ma già in questo tempo sono diverse i progetti nati e portati a compimento.

Il progetto ” Full dog”, realizzato in collaborazione con il CONI, i servizi sociali e col Comune, indirizzato ai bambini e ragazzi appartenenti alla così detta fascia grigia, che ha permesso a 20 utenti di poter avvicinarsi al mondo dell’etologia in compagnia dei loro cani e dei cani di Chiara

le varie collaborazioni con i servizi sociali per ragazzi speciali

il progetto con l’auser di Pontedera per il Caffè Alzheimer

la Squadra Figuranti Juniores, primo progetto in Italia, che vede un gruppo di dieci ragazzi impegnati nel ruolo di figuranti di cani da soccorso in collaborazione con l’Odg Team Mirò , sezione di Pontedera, con l’istruttore nazionale di cani da soccorso in superficie, macerie e valanghe Francesco Pinna di Roma

la squadra Coordination Dogs che ha unito un gruppo di 8 ragazzi con i propri cani e quelli del campo focalizzandosi su lavori di coordinazione ed emotività.

il Campo collabora con l’Associazione Nazionale Carabinieri, oltre che con Team Mirò per la formazione di cani da ricerca e con lo Studio Cmp per la parte pedagogica.

Proprio questa infatti contraddistingue lo stile del campo che sia con adulti ma prevalentemente con bambini si avvale di tecniche pedagogiche che mettano in comunicazione l’individuo prima con sè stesso e poi con il cane.

E’ stato infine brevettato un metodo di lavoro  chiamato ” mediazione a specchio ” che coniuga elementi di etologia relazionale, pedagogia cinofila e sociale.

Il progetto è visibibile sul sito www.ilcampodelleemozioni.wordpress.com

Articoli Correlati

Back to top button